La gestione dell'attacco di panico: il respiro

 Le persone che soffrono di ansia vivono spesso in uno stato di allerta, con la percezione di una minaccia o pericolo incombente. L’organismo pertanto si predispone al combattimento o alla fuga, aumenta la secrezione di adrenalina, noradrenalina e cortisolo, si incrementa anche la frequenza cardiaca e la pressione del sangue che in maggior quantità viene diretto ai muscoli per fronteggiare il pericolo. Le pupille si dilatano per meglio mettere a fuoco cosa accade, aumenta il ritmo respiratorio, etc. Di fronte ad un pericolo concreto, questa reazione facilita la sopravvivenza e costituisce una risposta adattiva, ad es. se ci troviamo di fronte ad una persona con un’arma, la migliore risposta potrebbe essere proprio quella di fuggire da quella situazione. Il tutto avviene molto velocemente e spesso senza che ne accorgiamo, il tempo speso a chiederci cosa fare potrebbe essere fatale, potremmo realizzare cosa succede, da cosa stiamo fuggendo mentre siamo già lontani dal pericolo percepito. Si può interpretare come pericolo anche qualcosa che avviene nel nostro organismo, come ad es. una sensazione insolita, una tachicardia, interpretata come: “sto per avere un infarto”, la reazione (di attacco e fuga) sarà sempre la stessa. È facile comprendere che un meccanismo siffatto può andare incontro a tanti falsi positivi, cioè una persona con un pensiero catastrofico sarà indotta a pensare che qualcosa di terribile stia accadendo, commettendo un errore di interpretazione, non considerando alternative più probabili (es. intossicazione da caffeina o nicotina. A proposito, gli attacchi di panico non sono per nulla pericolosi per la salute, nel caso del fumo basta solo una sigaretta al giorno per procurare un danno al nostro organismo. Non c’è un numero sotto al quale possiamo stare tranquilli, non esistono compromessi.

L’iperventilazione: una reazione comportamentale che peggiora l’agorafobia e il panico

Si può iperventilare spinti dall’ansia, oppure dall’erronea convinzione che sia utile per placarla. O, ancora, per semplice abitudine.Tuttavia, l’iperventilazione è una reazione comportamentale all’ansia che peggiora l’agorafobia e il panico.
Ci sono delle ragioni fisiologiche per le quali l’iperventilazione aggrava la sintomatologia del panico e dell’agorafobia. Nell’inspirazione introduciamo nei polmoni dell’aria e assieme ad essa l’ossigeno che serve alle cellule del nostro organismo per poter produrre energia e poter sopravvivere. L’ossigeno si lega ad una molecola dei globuli rossi chiamata emoglobina. La stessa emoglobina cede ossigeno ai tessuti e si lega all’anidride carbonica, sostanza di scarto delle cellulte. L’anidride carbonica viene espulsa con l’atto dell’espirazione.
Occorre che l’equilibrio tra anidride carbonica e ossigeno sia sempre quello corretto perché, se è vero come è vero che l’ossigeno è indispensabile perché le cellule producano energia, anche l’anidride carbonica lo è, consentendo la separazione dell’ossigeno dall’emoglobina per riuscire ad arrivare a tutte le cellule.

L’iperventilazione altera la concentrazione di ossigeno e anidride carbonica rendendo più difficoltoso lo scambio gassoso. L’iperventilazione non è altro che una una respirazione con frequenza degli atti respiratori (inspirazione ed espirazione) molto superiore rispetto alle necessità fisiologiche dell’organismo o una profondità dell’atto respiratorio eccessivo. La conseguenza è uno scompenso tra ossigeno ed anidride carbonica (a favore dell’ossigeno),
È il ridotto livello di anidride carbonica nel sangue che causa i sintomi dell’attacco di panico e non una riduzione del livello di ossigeno, come molte persona pensano.
Conseguentemente a questo rapido aumento dei livelli di ossigeno rispetto alla anidride carbonica si verifica una vasocostrizione di alcuni vasi, in particolar modo dei vasi che trasportano il sangue ad alcuni settori cerebrali deputati alla regolazione dell’omeostasi  (equilibrio) di molti meccanismi fisiologici. Ebbene, con l’introito di una maggior quantità di ossigeno nel sangue, proprio a queste cellule ne giunge di meno. Il risultato è la sensazione che manchi l’aria (il più comune sintomo dell’ansia). Proprio questa paradossale sensazione porta, inconsciamente, il soggetto a respirare ancora più velocemente e intensamente, con ulteriore aggravamento dei sintomi dell’ansia. Altri sintomi molto comuni sono una sensazione di “leggerezza” della testa, quasi come uno stordimento, e poi di irrealtà e confusione. L’aumentare degli atti respiratori con la iperventilazione provoca un’ulteriore sintomatologia, e, nel dettaglio, la sensazione di essere stanchi, di avere come un peso sul petto, di paralisi muscolare ed anche di vertigini e nausea.
E, come un cane che si morde la coda, il presentarsi di questa ulteriore sintomatologia, a causa della sensazione percepita di minaccia per la proprio incolumità, aggrava ulteriormente la sensazione di panico del soggetto. Tipiche sono la sensazione di stare per morire, di perdere il controllo o di impazzire.
I sintomi del panico non sono certo piacevoli, ma sono in ogni caso reversibili e non pericolosi Appena termina l’iperventilazione cessano anche i sintomi. In ogni caso, i meccanismi fisiologici che regolano l’omeostasi (l’equilibrio interno), riporteranno la concentrazione di ossigeno e monossido ai valori normali.
Modi errati di respirare che possono portare all’iperventilazione sono:
1. boccheggiare;
2. Sospirare e sbadigliare;
3. Respirare affannosamente (come durante il panico)
4. Respirare eccessivamente (come quando siamo in uno stato di allerta).


Alcune persone respirano per abitudine eccessivamente, si tratta di una iperventilazione cronica che, se in forma contenuta, non porta di per se all’attacco di panico, ma potrebbe essere un fattore di rischio, mantenendo basso il livello di anidride carbonica. A questo punto, potrebbe essere sufficiente una situazione o un evento che inducano lo stato d’ansia, facendo innalzare anche solo un po’ in più la frequenza respiratoria che può presentarsi l’attacco di panico. Oltretutto il perdurare per le 24 ore di questa situazione comporta un leggero stato di confusione e di apprensione.


Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Per ulteriori informazioni:

 

Dott. Cristian Garbin

Psicologo Psicoterapeuta

Tel. 347 7122910

Email cristian.garbin@ordinepsicologiveneto.it

 

Studio 1

Via Fogazzaro

37047 San Bonifacio (VR)

Studio 2

Via Pallone 8/A

37121 Verona

Studio 3

Via Margattoni

37050 Isola Rizza (VR)